Trend e modalità di deposito 2018-2022

Immagine linkabile

Fonte UIBM

Le domande di brevetto per modello di utilità depositate nel 2022 registrano una flessione del 12% rispetto al 2021. Come per le domande di invenzione, anche per i modelli di utilità viene privilegiata la modalità telematica di deposito (83%) rispetto alla modalità cartacea (rispettivamente 16,5% di domande depositate tramite le CCIAA e 0,5% di depositi postali diretti). Tali percentuali appaiono sostanzialmente stabili rispetto ai due anni precedenti.


Distribuzione geografica depositi 2022

Immagine linkabile

Fonte UIBM

Considerando la ripartizione geografica per regione di residenza del richiedente*, il deposito delle domande di brevetto per modelli di utilità non registra differenze percentuali significative tra Nord-Ovest, Nord-Est e Centro Italia. Come già risultato per le domande di brevetto per invenzione, le domande di residenti in Sicilia e Sardegna rappresentano la percentuale più bassa.

*Una stessa domanda può avere più richiedenti residenti in diverse Regioni.


Percentuale delle concessioni sul totale dei provvedimenti finali emessi- 2018/2022

Immagine linkabile

Fonte UIBM

I brevetti per modello di utilità concessi nel 2022 sono stati 1.678: in particolare, i provvedimenti di concessione dei titoli hanno rappresentato circa il 73% del totale dei provvedimenti definitivi emessi*. 

* I provvedimenti finali emessi riguardano le concessioni, le irricevibilità, i rifiuti ed i ritiri.


Riparto settoriale concessioni 2022

Immagine linkabile

Fonte UIBM

Considerando la ripartizione settoriale individuata sulla base della classificazione internazionale dei brevetti IPC (International Patent Classification), nel 2022 il 66% dei brevetti per modelli di utilità rilasciati* hanno riguardato i settori tecnologici «Fabbisogni umani» e «Operazioni, trasporti».

* Un brevetto concesso può essere classificato in uno o più settori.


 

Torna a inizio pagina