Con una dotazione finanziaria di 2,5 milioni di euro, il 22 dicembre 2021 si è chiusa la finestra temporale – aperta nel novembre 2021 – per la presentazione di domande di agevolazione dirette a promuovere all’estero marchi collettivi o di certificazione volontari italiani che contraddistinguono prodotti e servizi Made in Italy. La misura, gestita da Unioncamere, prevede il finanziamento di attività promozionali quali fiere e saloni internazionali, eventi collaterali alle manifestazioni fieristiche internazionali, incontri bilaterali con associazioni estere, seminari in Italia con operatori esteri e all’estero, azioni di comunicazione sul mercato estero e creazione di comunità virtuali a supporto del marchio.

Rispetto alla prima edizione del 2020, l’agevolazione ha previsto l’ampliamento della platea dei potenziali beneficiari con l’inserimento dei consorzi di tutela e di altri organismi associativi e cooperativi.

Al netto di un’unica domanda, presentata da un’Associazione rappresentativa delle categorie produttive, che fa riferimento ad un marchio di certificazione del settore calzaturiero, tutte le altre domande agevolate si riferiscono ad un marchio collettivo nazionale.

L’importo massimo dell’agevolazione concedibile in favore di ciascun soggetto è di 150.000 euro a fronte di una o più domande di agevolazione aventi ad oggetto marchi collettivi o di certificazione differenti.

Nel corso del 2022 i progetti finanziati sono stati in buona parte conclusi, anticipando i termini per la realizzazione delle attività previste fissati al 22 gennaio 2023.

Documenti

Clicca Qui per visualizzare i principali risultati 2022.

Torna a inizio pagina